Alessandra Gardin

Guida turistica Firenze

PALAZZO PITTI E GIARDINO DI BOBOLI


Sei interessato a questo itinerario?


Nome
Telefono
Email
Messaggio
PrivacyAi sensi dell’art. 13 d. lgs. 196/2003 inviando il presente modulo, dichiaro di aver letto e compreso l'informativa ed esprimo il consenso previsto dall'articolo 23 del Codice al trattamento dei miei dati personali per i rapporti commerciali intercorrenti.
Accetto

Scegliete di visitare Palazzo Pitti, ultima residenza della famiglia Medici, con la vostra guida privata autorizzata, esperta storica dell'arte. La massiccia mole dell'edificio con la vasta facciata in bugnato rustico non lascia intuire la suntuosa e impressionante decorazione interna delle sale e la ricchezza delle sue collezioni museali. All'interno dell'edificio si articolano infatti numerosi musei. Il più importante è sicuramente la Galleria Palatina, ricca collezione di pitture, statue, decorazioni e arredi, posta al primo piano del palazzo nelle stanze un tempo abitate da granduchi e granduchesse e persino da re e regine. Da non perdere anche il Museo degli Argenti che annovera la collezione dei gioielli e degli oggetti preziosi un tempo appartenuti ai Medici, ma anche alla dinastia che è succeduta sul trono di Toscana: gli Asburgo Lorena. Anche la permanenza a palazzo di Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone, ha lasciato segni tangibili nella decorazione e nella produzione artistica.
Quando poi Firenze divenne la capitale del Regno d'Italia, prima dell' Unificazione, la famiglia Savoia si stabilì a palazzo e di conseguenza lasciò una forte impronta, modificando a proprio gusto alcuni appartamenti che vanno ora sotto il nome di Appartamenti Reali. La bellissima Galleria d'Arte Moderna che si sviluppa all'ultimo piano è un imprescindibile punto di riferimento per gli amanti della pittura e della scultura Ottocentesca e del primo Novecento. Sono conservati i più famosi quadri dei Macchiaioli, precursori dell'Impressionismo, ma anche quelli di altri grandi esponenti della pittura italiana dell'Ottocento e del Novecento (da Bezzuoli, Benvenuti, Gordigiani, Corcos a Morandi, De Pisis e i Futuristi). Dalle ampie finestre di ogni piano si gode la vista dello splendido Giardino di Boboli disegnato per Eleonora di Toledo e Cosimo I dal Tribolo e poi dal Buontalenti. Un autentico un museo all'aria aperta che si estende per 45.000 metri quadri fino alle antiche mura della Porta Romana.
Se la giornata lo consente scegliete questa piacevole passeggiata tra viali e vialetti , contemplando le sue fontane, le statue antiche (romane, rinascimentali e barocche), le grotte, gli edifici, le limonaie.